Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Documentazione relativa ai richiedenti

  1. CERTIFICATI DI STATO CIVILE

Per consentire l’analisi del passaggio della cittadinanza italiana tra le generazioni della famiglia, sono richiesti tutti i certificati di NASCITA, MATRIMONIO ed EVENTUALE MORTE di tutti i discendenti, dall’antenato compreso il richiedente e i suoi figli minori.

Tutti i certificati brasiliani (di nascita, matrimonio ed eventuale decesso) devono essere presentati in 2° copia dell’originale recente, in formato integrale, con Apostille e accompagnati dalla rispettiva traduzione giurata in italiano, anch’essa apostillata.

Se uno dei discendenti è nato, sposato o deceduto in un paese diverso dal Brasile o dall’Italia, deve essere presentato il relativo certificato rilasciato dalle autorità locali competenti. Suggeriamo all’interessato di accedere al sito del Consolato italiano competente per la circoscrizione in cui è stato rilasciato il certificato, per presentarlo correttamente, ottenendo maggiori informazioni su come apostillare o legalizzare sia il documento che la rispettiva traduzione giurata. Le trascrizioni brasiliane non sono accettate.

INFORMAZIONI IMPORTANTI!

    • Se il richiedente è divorziato, la semplice annotazione del divorzio sul certificato di matrimonio non è sufficiente per essere registrato in Italia. È necessario presentare il procedimento di divorzio debitamente tradotto. Fare clic qui per informazioni su come inviare questa documentazione.
    • Se il richiedente ha adottato bambini, il processo di adozione deve essere presentato in modo che la sentenza brasiliana sia approvata anche dal tribunale italiano competente. Una volta approvato, prosegue la registrazione del certificato di nascita di questo bambino e il riconoscimento della cittadinanza italiana. Clicca qui per informazioni su come inviare questa documentazione
    • Sul certificato di nascita dei bambini i cui genitori non sono sposati è necessario che sia chiaramente scritto chi era il dichiarante, cioè chi si è presentato all’ufficio di stato civile per dichiarare tale nascita. Se si trattava di entrambi i genitori, dovrebbe essere scritto che “i genitori erano dichiaranti”.
    • Se solo uno dei genitori è stato dichiarante, l’atto di nascita deve essere accompagnato da un atto pubblico di riconoscimento materno o paterno. Clicca qui per informazioni su come inviare questa documentazione. ATTENZIONE: Se il bambino in questione ha più di 18 anni, ti consigliamo di attendere la richiesta di questo Consolato Generale (dopo la consegna del processo nella data prevista) per fare questo atto, che ha 1 anno di validità. In questo caso specifico, durante l’analisi del processo, questo Consolato Generale programmerà direttamente con l’interessato la procedura di “Elezione”.

 

  1. DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA

Ogni richiedente di età superiore ai 18 anni deve presentare questo modulo già compilato (leggibilmente, a mano o dattiloscritto) e firmato. La firma apposta deve coincidere con quella del documento di identità. Questo modulo non deve essere fatto per i minori.

 

  1. MODULO DI ISCRIZIONE

Ogni richiedente di età superiore ai 18 anni deve presentare questo modulo già compilato (leggibilmente, a mano o dattiloscritto) e firmato. La firma apposta deve coincidere con quella del documento di identità.

Ricordiamo che le informazioni riportate saranno utilizzate per l’iscrizione consolare di ciascun richiedente. Pertanto, assicurarsi che siano leggibili, corretti e conformi ai documenti presentati.

Il modulo di iscrizione di ciascuno deve essere accompagnato DALLA RISPETTIVA COPIA SEMPLICE: di:

    • DOCUMENTO DI IDENTITÀ – sono accettati solo: RG, RNE o passaporto brasiliano valido
    • PROVA DI RESIDENZACLICCA QUI per verificare quali sono le prove di residenza accettate.

 

  1. PROCURA

Nel caso in cui più familiari abbiano richiesto il riconoscimento della cittadinanza italiana, è richiesta la presenza di un solo richiedente.

Gli altri possono conferire al rappresentante della famiglia, che comparirà nella data prevista, una PROCURA SEMPLICE. Può essere fatto a mano o dattiloscritto, non è richiesta alcuna autenticazione notarile, ma è essenziale che la firma corrisponda al documento di identità allegato.

Questa procura deve includere i dati completi del titolare, del familiare autorizzato e dell’oggetto della procura.  CLICCA QUI per vedere un esempio

 

  1.  ALBERO GENEALOGICO (clicca per scaricare)

Per accelerare l’analisi della documentazione presentata, chiediamo che il richiedente faccia un albero genealogico della sua famiglia, solo con i nomi dei documenti che fanno parte del processo.
Non esiste un modello obbligatorio, basta che sia organizzato e chiaro, partendo dall’ascendente italiano al vertice e proseguendo fino al richiedente e ai suoi figli.

Se più di una persona nella famiglia è anche un richiedente, è richiesto un solo albero, incluso il nome di tutti i richiedenti che fanno parte dello stesso processo.