Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

SECONDA EDIZIONE DI VIVO D'ARTE - CONCORSO - PREMIO DEDICATO AI GIOVANI ARTISTI ITALIANI, RESIDENTI STABILMENTE ALL'ESTERO

Data:

27/02/2020


SECONDA EDIZIONE DI VIVO D'ARTE - CONCORSO - PREMIO DEDICATO AI GIOVANI ARTISTI ITALIANI, RESIDENTI STABILMENTE ALL'ESTERO

SECONDA EDIZIONE DI VIVO D'ARTE - CONCORSO - PREMIO DEDICATO AI GIOVANI ARTISTI ITALIANI, RESIDENTI STABILMENTE ALL'ESTERO

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale promuove anche per il 2020 il progetto "Vivo d'Arte", il concorso - premio dedicato ai giovani artisti italiani (al di sotto dei 36 anni di età̀) residenti stabilmente all'estero.

Per il bando 2020 "Vivo d'arte - arti performative" clicca qui.

Il progetto vincitore sarà rappresentato a Roma, il 21 ottobre 2020, nell'ambito della prossima edizione del Romaeuropa Festival.

Per essere ammessi al concorso - premio, gli artisti che candideranno il proprio progetto per "Vivo d'Arte - arti performative" dovranno:

a) essere di nazionalità italiana;

b) essere iscritti all'AIRE da almeno un anno alla data di scadenza del bando;

c) non avere compiuto i 36 anni di età alla data di scadenza del bando;

d) essere comprovati artisti operanti nei settori specifici del teatro, della danza o della musica contemporanee nell'accezione più estesa del termine.

La Commissione sarà composta da due rappresentanti del MAECI, uno della Fondazione Romaeuropa, uno del MIBAC e da una personalità del mondo dello spettacolo e, nella valutazione dei progetti presentati, terrà in particolare conto l’originalità, la valorizzazione degli elementi di contaminazione e incontro tra la cultura italiana e quella dei paesi esteri di residenza degli artisti, l'eventuale carattere di integrazione tra due o più discipline artistiche (teatro, musica, danza) contenuti nell'opera proposta.

LA SCADENZA PER L'INVIO DEL PROGETTO È FISSATA AL 31 MARZO 2020 (ALLE 23.59 ORA ITALIANA).

 


547