Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Rimpatri

 

Rimpatri

Rimpatrio delle Salme


Perdere una persona cara è sempre motivo di grande dolore, ma se questo dovesse succedere all'estero, al dolore si aggiunge la necessità di risolvere alcuni problemi pratici.

Qui di seguito diamo delle indicazioni sulla soluzione di tali problemi.

Per il rimpatrio della salma, una volta contattata una Rappresentanza italiana all'estero, sarà inoltrata una richiesta al competente Comune italiano per ottenere il "nulla osta all'introduzione della salma". Avuto il "nulla osta" dal Comune, l'agenzia di pompe funebri, incaricata dai familiari del rimpatrio a proprie spese della salma, potrà procedere.

E' peraltro possibile rivolgersi alle Regioni ed agli enti locali per eventuali rimborsi o contributi.
In caso di decesso di connazionali residenti all'estero in stato di accertata indigenza, il Consolato o l'Ambasciata contattati potranno prestare assistenza ai familiari indigenti, residenti all'estero, del connazionale deceduto, mediante rimborso totale o parziale delle spese funebri sostenute in loco, regolarmente documentate.

RIMPATRIO SALME / CENERI / OSSA

I parenti che intendono far rimpatriare in Italia la salma (ceneri o ossa) del congiunto deceduto, devono presentarsi in Consolato con la seguente documentazione:

PER LE SALME / OSSA

- Atto di morte: 2 (due) originali, con firma autenticata in “Tabelionato de Notas di San Paolo - Capitale” e traduzione in lingua italiana, eseguita da traduttore giurato, con firma del traduttore autenticata anche presso un "Tabelionato de Notas di San Paolo - Capitale",
- Certificato di imbalsamazione: 1 (un) originale, con firma autenticata in “tabellionato de notas” e traduzione in lingua italiana, eseguita da traduttore giurato, con firma autenticata.
- Certificato sanitario: rilasciato dalla Segreteria di stato della Salute di San Paolo, che attesti che nel mese e anno del decesso non sono occorse nello Stato di San Paolo malattie epidemico-contagiose di cui la lista di notificazione internazionale obbligatoria, con firma autenticata in “Tabelionato de Notas di San Paolo - Capitale” e traduzione in lingua italiana, eseguita da traduttore giurato, con firma autenticata sempre in "Tabelionato de Notas di San Paolo - Capitale".

- Solo per il rimpatrio delle ossa: verbale di esumazione delle ossa, rilasciato dal cimitero locale, con firma autenticata in “Tabelionato de Notas di San Paolo - Capitale” e traduzione in lingua italiana, eseguita da traduttore giurato, con firma autenticata, sempre in "Tabelionato de Notas di San Paolo - Capitale". 

N.B.: al fine di richiedere la necessaria autorizzazione del Comune, si prega di informare con anticipo di almeno una settimana lavorativa il nome del Comune e del cimitero di tumulazione, la prenotazione del volo, con indicazione del valico di frontiera ed il nome dell’accompagnatore.

Presentare, inoltre, due fotocopie semplici di tutta la documentazione, incluse le traduzioni.

PER LE CENERI

- Atto di morte: 2 (due) originali, con firma autenticata in “Tabelionato de Notas di San Paolo - Capitale” e traduzione in lingua italiana, eseguita da traduttore giurato, con firma autenticata in "Tabelionato de Notas di San Paolo - Capitale".

- Certificato di incinerazione: 1 (un) originale, con firma autenticata in “Tabelionato de Notas di San Paolo - Capitale” e traduzione in lingua italiana, eseguita da traduttore giurato, con firma autenticata, sempre in "Tabelionato de Notas di San Paolo - Capitale".

- Verbale dei sigilli che le Autorità brasiliane di Polizia hanno apposto sull’urna: un originale (senza traduzione).

N.B.: al fine di richiedere la necessaria autorizzazione del Comune, si prega di informare con anticipo di almeno una settimana lavorativa il nome del Comune e del cimitero di tumulazione, la prenotazione del volo, con indicazione del valico di frontiera ed il nome dell’accompagnatore.

Il modo meno complicato e meno costoso per la famiglia che intende rimpatriare i resti mortali del congiunto deceduto è il rimpatrio delle ceneri. Anche le ossa possono essere cremate e rimpatriate come ceneri.

Documentazione necessaria:

Se il connazionale non aveva ancora il documento di residenza brasiliana (R.N.E. tessera d'identità per stranieri), il Crematorio Comunale esige un "nulla osta" consolare alla cremazione. Il Consolato, come per i casi precedenti, deve prima chiedere al Comune italiano, dove la famiglia intende seppellire le ceneri, la regolare autorizzazione all'ingresso in Italia delle ceneri. Si prega di voler comunicare il valico di frontiera. Al parente interessato viene rilasciato il Verbale di Apposizione Sigilli (fatto in Consolato) e il Passavanti mortuario. La cassettina con le ceneri può viaggiare in cabina come bagaglio a mano.


27