Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

San Paolo Capitale Economica del Brasile

 

San Paolo Capitale Economica del Brasile

 

STATO DI SAN PAOLO


stato sp

Lo Stato di San Paolo è riconosciuto come il maggiore centro economico e industriale dell'emisfero sud nonché il più grande centro d'affari dell´America Latina. È la capitale dell'innovazione e della tecnologia e leader mondiale nelle politiche agroalimentari e nella conservazione e tutela dell'ambiente.

Con 43 milioni di abitanti è lo stato più popoloso e concentra il 22% della popolazione nazionale. Detiene la maggior percentuale di popolazione economicamente attiva – 23,25 milioni di persone – e il secondo maggior PIL pro capite, pari a 37.172 Reais, seguendo di poco Brasilia.

Ad oggi è la 19ª economia del mondo e la 2ª dell´America Latina, genera circa un terzo di tutta la ricchezza prodotta dal Brasile ed è il più grande fornitore di posti di lavoro nonché il più grande mercato di consumo in tutto il Paese. Ospita inoltre  il più grande porto del Sud America (Porto di Santos) e uno dei più grandi aeroporti del continente (Aeroporto Internazionale di São Paulo/Guarulhos Governador André Franco Montoro).

La sua economia è la più diversificata del Brasile, con società operanti in una vasta gamma di settori. La capitale dello Stato è il principale centro finanziario del paese, sede della Borsa BM&FBOVESPA, classificata come una delle cinque maggiori al mondo.

Con poco più di 248.000 km² (simile al Regno Unito) lo stato di San Paolo occupa il 3% della superficie del Brasile. La sua industria rappresenta il 20% mentre i servizi il 78% dell´intero mercato brasiliano. L´agricoltura, invece, è responsabile di circa il 2% della produzione agricola del Brasile.

Fonte: saopauloglobal.sp.gov.br

 

STATO DI SAN PAOLO IN NUMERI


Governatore:
 João Doria – PSDB

Vice-Governatore: Rodrigo Garcia – DEM



Territorio e Popolazione*

Area (Km2)

248.222,36

Popolazione

43.046.555

Densitá demografica (abitanti/km2)

173,42

Grado di urbanizzazione (in %)

96,21

Indice di invecchiamento (in %)

67,20

Popolazione con meno di 15 anni (in %)

19,63

Popolazione con più di 60 anni (in %)

13,19

* 2015 - Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística – IBGE


Lavoro*

 

Partecipazione dell´agricoltura, allevamento, silvicoltura, acquacoltura e pesca al totale degli occupati (in %)

2,28

Partecipazione dell´industria al totale degli occupati (in %)

19,38

Partecipazione del settore delle costruzioni al totale degli occupati (in %)

5,23

Partecipazione del commercio all'ingrosso e al dettaglio e e del commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli al totale degli occupati (in %)

19,72

Partecipazione dei servizi al totale degli occupati (in %)

53,39

·          2014 - Ministério do Trabalho e Emprego - MTE. Relação Anual de Informações Sociais - Rais.


Economia*

 

PIL (in milioni di reais)

1.408.903,87

PIL pro capite (in reais)

33.593,32

Partecipazione del settore agropecuario (in %)

1,89

Partecipazione dell´industria (in %)

24,99

Partecipazione dei servizi (in %)

73,12

Valore delle esportazioni (US$ FOB)

57.805.160.068

Valore delle importazioni (US$ FOB)

84.911.708.920

* 2014 - Ministério do Desenvolvimento, Indústria e Comércio Exterior

 

 

CITTÁ METROPOLITANA DI SAN PAOLO

IN NUMERI

 

Sindaco: Bruno Covas Lopes – PSDB

 

Territorio e Popolazione*

 

Area (Km2)

1.521,11

Popolazione

11.581.798

Densitá demografica (abitanti/km2)

7.614,04

Grado di urbanizzazione (in %)

99,10

Indice di invecchiamento (in %)

69,34

Popolazione con meno di 15 anni (in %)

19,49

Popolazione con più di 60 anni (in %)

13,51

* 2015 - Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística – IBGE


 

Lavoro*

 

Partecipazione dell´agricoltura, allevamento, silvicoltura, acquacoltura e pesca al totale degli occupati (in %)

0,06

Partecipazione dell´industria al totale degli occupati (in %)

9,36

Partecipazione del settore delle costruzioni al totale degli occupati (in %)

6,27

Partecipazione del commercio all'ingrosso e al dettaglio e e del commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli al totale degli occupati (in %)

17,32

Partecipazione dei servizi al totale degli occupati (in %)

66,99

* 2014 - Ministério do Trabalho e Emprego - MTE. Relação Anual de Informações Sociais - Rais.


Economia*

 

PIL (in milioni di reais)

499.375,40

PIL pro capite (in reais)

43.885,26

Partecipazione al PIL dello Stato (in %)

35,444249

Partecipazione del settore agropecuario (in %)

0,01

Partecipazione dell´industria (in %)

18,11

Partecipazione dei servizi (in %)

81,88

Valore delle esportazioni 2014 (in %)

12,663463

* 2014 - Ministério do Desenvolvimento, Indústria e Comércio Exterior

 


TABELLA 1 - IL PIL DELLO STATO DI SAN PAOLO

 

PIL Stato di San Paolo 2015

R$ 1,9 trilioni

PIL del Brasile 2015

R$ 5,9 trilioni

PIL Stato di San Paolo/Brasile

 32%

                                                                                                                                                      

 

GRAFICO 1 – Andamento del PIL dello Stato di San Paolo

- gennaio 2015/gennaio 2016 -

pil 2015Fonte: SEADE

 

Come si nota dal grafico 1, nel mese di gennaio l´economia dello Stato si è ritratta del 4,4%, prendendo in riferimento gli ultimi 12 mesi in relazione ai 12 mesi precedenti, mantenendo l´andamento discendente iniziato nel 2015. Il risultato riflette la caduta del settore dell´industria (-9,8%), dei servizi (-2,2%) e un aumento del settore agricolo (5,9%).

In generale l'andamento dell'economia dello Stato di San Paolo, prendendo in considerazione lo stesso mese dell´anno precedente, ha avuto una caduta del 7,3%. L´industria ha fatto registrare la peggior performance (-14,6%) seguita dal settore dei servizi (-4,3%) e dalla crescita dell´agricoltura (5,4%).

L´attuale congiuntura economica sfavorevole è su base nazionale ma la crisi ha maggiormente colpito lo Stato di San Paolo che, come è noto, è caratterizzato per essere lo Stato più industrializzato e integrato con il mercato interno, a differenza di quello brasiliano fortemente legato al mercato delle commodity.

 


Partecipazione dello Stato di San Paolo al PIL brasiliano

partecipazione sp pil

partecipazione sp pil 2

Fonte: IBGE

 

Nonostante il PIL del Brasile sia triplicato tra il 1996 e il 2014, San Paolo ha perso parte della sua partecipazione al PIL nazionale. Dal 35,9% nel 1996 è passato al 28,7% nel 2014, segnale di un decentramento economico e di crescita più accentuata nel Nord, Nord-est e Centro-ovest e di politiche di incentivo fiscale volte ad attrarre investimenti in queste regioni.

È interessante analizzare come la composizione del PIL paulista è cambiata negli ultimi 30 anni. Si osserva una crescita nel settore dei servizi e una lieve caduta dell´industria. I dati della Fondazione SEADA mostrano che, tra il 1996 e il 2014, il contributo dell´industria alla formazione del Pil è passato dal 33,5% al 25,9%, una riduzione di 7,7 punti percentuali. I servizi, invece, nello stesso periodo sono passati dal 64,9% al 72,4%. Il settore agricolo, invece, con 24,8 milioni di ettari coltivati – circa il 3% dell´area del Paese – ha contribuito con l´1,7% all´economia locale nel 2014.

Nonostante la partecipazione dell´industria paulista alla formazione del PIL sia diminuita, lo Stato mantiene la posizione di maggior polo industriale del paese, soprattutto nei settori a più alto valore aggiunto come l´industria aerospaziale e automobilistica.

 

 

MERCATO DEL LAVORO NELLA REGIONE METROPOLITANA DI SAN PAOLO NEL 2014


Nel 2015 il livello di occupazione nella Regione Metropolitana di San Paolo è diminuito del 1,4% rispetto all´anno precedente. La perdita di 137 mila posti di lavoro, associata alla crescita della Popolazione Economicamente Attiva (144 mila persone sono entrate a far parte della forza lavoro, circa l´1,3%) ha fatto si che la quota dei disoccupati aumentasse di circa 281 mila persone. Nell´anno preso in analisi i dati sul mercato del lavoro sono i seguenti:

  • DISOCCUPATI 1.463.000 persone
  • OCCUPATI 9.621.000 persone
  • POPOLAZIONE ECONOMICAMENTE ATTIVA 11.084.000 persone


Grafico 3 – Variazione annuale della Popolazione Economicamente Attiva e degli occupati - Regione Metropolitana di San Paolo 2006-2015
pea
Fonte: Secretaria de Planejamento e Gestão. Convênio Seade-Dieese e MTE/FAT

 

Il tasso medio di disoccupazione è salito dal 10,8% al 13,2% tra il 2014 e il 2015 (grafico 3). Tale risultato è stato determinato dall´aumento del tasso delle persone in cerca di occupazione (dal 8,8% al 10,9%) e dall´aumento del tasso dei precari e degli inattivi (dal 2% al 2,3%).




 
Grafico 4 – Tassi di disoccupazione

Regione Metropolitana di San Paolo 2006-2015
disoccupazione

Fonte: Secretaria de Planejamento e Gestão. Convênio Seade-Dieese e MTE/FAT

 

La performance del livello di occupazione (-1,4%) è scaturita dal calo dell´industria di trasformazione (-71 mila posti di lavoro, -4,4%) - in particolare il settore metalmeccanico (-70 mila, -10,6%) - delle costruzioni (-59 mila posti di lavoro, -8,0%) e del settore dei servizi (-31 mila, -0,6%). Questi risultati sono stati parzialmente compensati dalla crescita del settore del commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli (+35 mila posti di lavoro, 2,1%).

Nel settore dei servizi - responsabili per il 58% del totale degli occupati nella Regione Metropolitana di San Paolo - si segnala il calo dei livelli occupazionali dei settori dell´informazione/comunicazione e marketing, delle attività finanziarie e assicurative e delle attività di carattere scientifico e tecnico (-36 mila posti di lavoro, -3,5%); dei servizi domestici (-28 mila posti di lavoro, -4,4%); delle attività amministrative (-9 mila posti di lavoro, -1,1%). Si è registrato, invece, un aumento del livello occupazionale nel settore della ristorazione e ricezione, dell´arte, della cultura, dello sport e del tempo libero (43 mila posti di lavoro, 4,0%); della pubblica amministrazione, della difesa e sicurezza sociale; dell´istruzione, della salute e dei servizi sociali (8 mila posti di lavoro, 0,6%); dei trasporti e logistica (4 mila posti di lavoro, 0,5%).

La quota dei lavoratori dipendenti si è ridotta del 1,7% nel 2015 a causa del calo del settore privato (-2,0%) e di una leggera crescita del pubblico impiego (1,0%). Il settore privato ha registrato una diminuzione dei lavoratori, sia in possesso di regolare contratto che non (rispettivamente -0,7% e -10,5%). In aumento gli autonomi (1,1%); in calo il numero dei lavoratori domestici (-4,4%) e dei datori di lavoro (-4,4%).

 


110